/   Home, In Regione /

Intervento in Aula su question time Croce Rossa

La mia interrogazione in questione giunge all’epilogo di un percorso personale
iniziato ormai mesi fa con un incontro con alcuni dipendenti della Croce Rossa dei
Comitati locali di Area Metropolitana, durante il quale ho ricevuto segnalazioni in
merito sia alle condizioni igienico sanitarie del loro ambiente di lavoro sia alla
mancata retribuzione da parte di Croce Rossa – iniziata nel mese di novembre
scorso fino ad oggi.
A seguito di ciò, sono andata personalmente all’interno dei Comitati locali – in gran
parte postazioni ricavate da ex garage e officine -, in particolare quelli di Nuovo
Salario (dove ci sono materassi che a detta del personale ci si appoggiano da
quindici anni senza che mai nessuno li abbia igienizzati) e Torrespaccata (in
quest’ultima mancano anche le uscite di sicurezza e per riscaldarsi gli operatori sono
costretti ad utilizzare una stufetta, con tutti i rischi che comporta) per vedere con i
miei occhi ciò che i dipendenti lamentavano e posso quindi ora affermare che si tratta
di un ambiente di lavoro insano e invivibile: divise sporche, ambulanze e presidi
medici ripuliti alla buona, postazioni fredde, buie e fatiscenti. Un quadro, credetemi,
veramente desolante.
Purtroppo, devo anche evidenziare il comportamento adottato dalla Croce Rossa che
ha prima ripreso più volte i dipendenti per poi subire cambi di mansione non
conformi alla loro formazione.
Sulla base di tutto ciò, oltre ad interrogare la giunta, ho anche proceduto nel mese di
marzo con un esposto alla Procura della Repubblica, nella speranza che vengano
svolte le opportune indagini.
Infine, vorrei ricordare che stiamo parlando di lavoratori che svolgono un servizio
essenziale e che sono costretti a lavorare non solo in emergenza, ma con carichi di
lavoro pesantissimi e con gravi carenze organizzative.
In Regione, abbiamo bisogno di persone che abbiano a cuore il territorio e il bene dei
cittadini laziali, il presidente Zingaretti anziché girare tra i salotti tv da segretario del
Pd, copiando slogan e autoproclamandosi l’anti-Salvini (ospite di Giovanni Floris a
DiMartedì), pensi prima ai cittadini, alle famiglie e ai lavoratori del Lazio.

Condividi